San Paolo-Parigi, ultimo aereo e ultimi passeggeri: voli Brasile-Francia bloccati fino al 19 aprile

Stop ai voli Brasile-Francia.

Ultimo volo e ultimi passeggeri, chissà per quanto tempo.

Per ora, sino al 19 aprile, poi si vedrà.

Arrivano gli ultimi viaggiatori del volo Air France San Paolo-Parigi, proveniente dal Brasile, che mercoledi mattina alle 7 hanno raggiunto la Francia, sbarcando all’aeroporto „Charles De Gaulle“ di Roissy, appena fuori la capitale francese.

Dopo un tampone prima del decollo e un test rapido una volta scesi dall’aereo, ai passeggeri è stata consigliata una quarantena di sette giorni, comunque non obbligatoria.

Gli ultimi „fortunati“

„La cosa migliore per me era tornare indietro velocemente, è vero che la situazione in Brasile sta degenerando. La cosa più sicura era tornare in Francia il prima possibile“, commenta un viaggiatore francese.

I viaggiatori neppure sapevano di essere gli ultimi „fortunati“ a compiere il viaggio.

A causa della variante brasiliana, martedi il primo ministro francese Jean Castex ha bloccato i voli tra Brasile e Francia.

„Abbiamo fatto un tampone alla partenza, poi abbiamo fatto un test rapido qui e tra sette giorni ne dovremo fare un altro“, sbuffa un po’ seccata Pénélope Micolau, passeggera francese di ritorno dal Brasile.

„Panico un po’ ingiustificato“, ha commentato qualche altro passeggero.

Voli speciali per i francesi in Brasile

Il segretario di Stato francese per gli affari europei, Clément Beaune, ha intanto dichiarato che la Francia sta studiando soluzioni di rimpatrio dal Brasile per tutti i suoi compatrioti, attraverso „voli speciali“, così come la possibilità di controlli più approfonditi, per „piccoli volumi di passeggeri“ e quarantene richieste all’arrivo in Francia.

Situazione drammatica in Brasile

Lunghe code fuori dagli ospedali brasiliani, anche all’Hospital Alemão „Oswaldo Cruz“ di San Paolo.

Il Brasile continua a soffrire di una nuova ondata di Covid-19 – quasi 3.700 decessi solo martedi – che sta spingendo verso il collasso tutte le strutture sanitarie del paese.

Leave a Reply

%d bloggers like this: